O.S.S. Operatore Socio Sanitario
Torna alla home
Stampa la scheda corso
O.S.S. Operatore Socio Sanitario
L’OSS esercita la sua attività sia nel settore sociale che in quello sanitario.Nell'ambiente ospedaliero, nei servizi di tipo socio-assistenziale e socio-sanitario, nell'ambito residenziale e domiciliare
CARATTERISTICHE DEL CORSO PROGRAMMA DEL CORSO PREZZI E FINANZIAMENTI
Programma didattico:
Aspetti psicorelazionali


  • La psicologia e la differenza tra psicologia e psichiatria


  • I «pilastri» della relazione di aiuto: emozioni e comunicazione


  • La relazione di aiuto;


  • La relazione di aiuto nei vari ambiti di lavoro (residenziale, diurno, domicilio, ospedale)


  • L’utenza di riferimento (bambini, adolescenti, anziani, disabili, malati terminali, familiari)


  • L’elaborazione del lutto (Elisabeth Kuble Ross)


  • Stress e burnout


  • Frustrazione, ansia e stress e strategie di coping


  • La gestione della sessualità (come affrontarla e gestirla nei diversi utenti)


  • Disabilità e handicap


  • I disturbi psicologici nell’infanzia e nell’ adolescenza. Per ogni patologia verranno riferiti brevi cenni farmacologici e come modificare la comunicazione in base alla problematica


  • Le psicopatologie negli adulti. Per ogni patologia verranno riferiti brevi cenni farmacologici e come modificare la comunicazione in base alla problematica


  • Disturbi psicotici (schizofrenia, disturbi dissociativi, affettivi e bipolari). Per ogni patologia verranno riferiti brevi cenni farmacologici e come modificare la comunicazione in base alla problematica


  • L’organizzazione dei servizi psichiatrici


  • Le tossicodipendenze: per ogni patologia verranno riferiti brevi cenni farmacologici e come modificare la comunicazione in base alla problematica


  • Il malato di AIDS: in modo specifico la comunicazione da usare


  • Il malato terminale: in modo specifico la comunicazione da usare e il comportamento più consono che deve adottare l’OSS


  • Parte pratica: verranno discussi i casi clinici inerenti le diverse tipologie trattate alla luce della relazione di aiuto. I Casi, inoltre verranno analizzati in base a cosa si aspetta l’OSS, a cosa osserva, a quali sono i suoi compiti e ai rischi per il paziente e l’operatore



Introduzione all’assistenza


  • Definizione di assistenza

  • Competenze dell’OSS nel soddisfacimento dei bisogni primari (bisogni analizzati da M.Cantarelli e Maslow) e nell’analisi differenziata del grado di autonomia


  • Scale di valutazione dell’autonomia: Barthel, ADL, IADL


  • La programmazione dell’assistenza: accoglienza e osservazione, modalità di raccolta e di trasmizzione dei dati, attuazione degli obiettivi programmati, valutazione


  • La registrazione dei dati in documenti: consegne, schede.


  • Conoscenza della documentazione sanitaria.


  • Il ricovero e l’accoglienza in reparto


  • Bisogno di riposo: preparazione dell’ambiente, del letto e della persona


  • Bisogno di movimento: assistenza durante la deambulazione, verifica dell’andatura, dell’equilibrio, delle calzature indossate, della sicurezza dell’ambiente


  • Fattori di rischio di caduta: interventi sulla persona e sull’ambiente


  • Assistenza alla persona allettata


  • Assistenza durante i pasti


  • Cenni sulla nutrizione enterale: alimentazione tramite SNG e PEG


  • Bisogno di eliminazione urinaria: caratteristiche delle urine e relative alterazioni


  • Bisogno di eliminazione intestinale: caratteristiche e relative alterazioni delle deiezioni, monitoraggio dell’alvo


  • Riconoscimento di segni e sintomi correlati a un aggravamento


  • Il numero unico dell’emergenza (NUE)

Introduzione all’assistenza pratica


  • Visione della documentazione sanitaria; conoscenza delle schede pertinenti le competenze dell’OSS


  • Rifacimento del letto vuoto e occupato


  • Assistenza a persona allettata


  • Procedure per imboccare


  • Ausili per l’eliminazione e loro utilizzo.




Assistenza di base per OSS


  • L’attività ospedaliera e le unità di cura specializzate.


  • Le funzioni di un catetere vescicale.


  • Attività cardiocircolatoria, attività respiratoria, termoregolazione: riconoscimento di segni e sintomi correlati ad alterazioni delle funzioni vitali.


  • La valutazione del dolore: osservazione della persona, conoscenza della localizzazione del dolore ed eventuale irradiazione, modalità con cui si manifesta.


  • La valutazione della coscienza: la scala AVPU e il riconoscimento di alterazioni.


  • L’elaborazione del lutto (Elisabeth Kuble Ross)


  • Assistenza a persona con diabete.


  • Modalità di raccolta di campioni biologici per esami di laboratorio.


  • Assistenza a persona con urostomia ed enterostomia.


  • Disabilità e handicap



Assistenza di base pratica per OSS


  • Visione e conoscenza delle differenti tipologie di cateteri vescicali e sacche di raccolta.


  • Procedura di rilevazione dei parametri vitali e relativi strumenti.


  • Procedura di rilevazione della glicemia capillare e relativi strumenti.


  • Conoscenza dei contenitori per la raccolta di campioni biologici.


  • Visione e conoscenza delle sacche di raccolta per urostomie ed enterostomie.



Assistenza avanzata


  • La nutrizione artificiale: definizione e finalità.


  • L’elettrocardiogramma: finalità dell’indagine.


  • Assistenza perioperatoria.


  • Fase preoperatoria: accoglienza e preparazione all’intervento chirurgico in relazione ai protocolli interni e al tipo di intervento.


  • Fase postoperatoria: monitoraggio di parametri vitali e dolore, verifica dello stato di coscienza, valutazione delle perdite ematiche e della diuresi, prevenzione di complicanze precoci e tardive


  • Medicazioni semplici: definizione e finalità.


  • L’emergenza sanitaria: servizi ospedalieri (DEA), servizi territoriali (AREU)


  • Il triage intra ed extra ospedaliero.


  • Il numero unico dell’emergenza (NUE) e l’attivazione dei soccorsi di base e dei soccorsi avanzati.


  • La gestione dell’emergenza in reparto, il carrello attrezzato, il defribillatore.


  • BLSD (basic life support and defribillation): le tecniche di assistenza necessarie a sostenere i parametri vitali.


  • Ostruzione delle vie aeree: ostruzione parziale e totale.


  • Le lesioni traumatiche.


  • L’Ictus: riconoscimento di segni con scale di valutazione CSS e NIHSS


  • SLA: sintomi di esordio della malattia



Assistenza avanzata pratica


  • Realizzazione di medicazioni semplici: materiali e procedure


  • Collaborazione con l’infermiere nel posizionamento di una sonda naso-gastrica.


  • Visione di sonde per gastrostomie e loro ubicazione.


  • Posizionamento di elettrodi per l’esecuzione di un elettrocardiogramma.


  • Manovre di disostruzione delle vie aeree (colpi interscapolari e manovra di Heimlich).


  • Compressioni toraciche esterne sul manichino e ventilazione artificiale con pallone Ambu e canula orofaringea.



Dietetica ed Igiene Alimentare


  • Dietetica


  • Igiene Alimentare



Etica


  • Definizione di Etica, morale e bioetica


  • Comitati etici e il Comitato Nazionale di Bioetica


  • Il concetto di salute


  • Diritti dell’uomo e del malato: conferenza Alma Ata 1978; Carta di Ottawa 1996


  • Dichiarazione Sanità mondiale 1998


  • Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo


  • Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea


  • Carta Europea dei Diritti del Malato


  • Deontologia Ed Etica Professionale


  • Il codice deontologico e analisi dei codici deontologici dell’infermiere e del medico


  • I principi etici


  • Il percorso per operare scelte etiche


  • Il problem solving


  • Il consenso informato


  • Il segreto professionale


  • La contenzione

Farmacologia


  • Cenni di farmacologia: definizione di farmaco, principio attivo, eccipienti


  • Classificazione dei farmaci


  • Farmacovigilanza e reazioni avverse da farmaci


  • Principi da rispettare prima dell’assunzione della terapia


  • Principi generali da rispettare prima della somministrazione della terapia. La regola delle 6G


  • Collaborazione dell’OSS nell’aiuto nell’assunzione di farmaci tramite per via inalatoria (aerosol, puff, compresa ossigenoterapia e anestesia) orale, enterale (compresa esecuzione di microclisma e collaborazione nella pratica del clistere) sublinguale, topica, percutanea, auricolare, gocce oftalmiche, pomate, farmaci trans dermici


  • Aiuto nell’assunzione per via orale, rettale, sublinguale, percutanea, inalatoria (aerosol e puff): vantaggi e svantaggi, diverse forme farmaceutiche, modalità di somministrazione (ambiente, materiale, persona, operatore)


  • L’ossigenoterapia definizione, principi generali, presidi, sorveglianza


  • Sorveglianza della terapia infusiva endovenosa (comprese emotrasfusioni)


  • La conservazione dei farmaci, il foglietto illustrativo, caratteristiche degli armadi farmaceutici e dei locali farmacia


  • Approvvigionamento, conservazione, controllo dei farmaci


  • Nozioni di tossicologia e avvelenamenti


  • Sperimentazioni e accanimento terapeutico

Igiene Ambientale e domestica


  • • Definizione di igiene e salute


  • • Definizione di prevenzione primaria, secondaria e terziaria.


  • • Definizione di microclima: fattori che influenzano e modalità di controllo del microclima (fattori di viziatura e di inquinamento degli ambienti)


  • • Definizione di microbiologia


  • • Definizione di malattia infettiva


  • L’elaborazione del lutto (Elisabeth Kuble Ross)


  • • Profilassi delle infezioni correlate all’assistenza


  • • I dispositivi di protezione individuale; l’uso dei guanti


  • • I diversi tipi di lavaggio delle mani


  • • Concetti di sanificazione, sanitizzazione, disinfezione e sterilizzazione


  • • Definizione di disinfettante, antisettico, detergente e modalità per il corretto uso e conservazione dei disinfettanti


  • • Fasi di preparazione del materiale da sterilizzare e mezzi


  • • Classificazione dei rifiuti e dei rifiuti sanitari


  • • Unita’ di degenza


  • • Gli incidenti domestici


  • • Ruolo dell’operatore negli incidenti domestici: Il numero telefonico del servizio territoriale di Urgenza/Emergenza e i comportamenti da adottare

Igiene Ambientale pratica


  • Rifacimento letto libero


  • Rifacimento letto occupato ( con pazienti con sintomatologia e problematiche medico - chirurgiche)


  • Lavaggio sociale e antisettico delle mani


  • Rilevazione Pressione Arteriosa


  • Rilevazione Frequenza Cardiaca

Igiene Personale


  • Definizione e finalità dell’igiene.


  • L’apparato tegumentario e le sue funzioni: cute, mucose e annessi cutanei.


  • Osservazione di alterazioni delle caratteristiche della cute: colore, tensione, idratazione, percezione sensoriale, temperatura locale, integrità.


  • Introduzione alle cure igieniche come bisogno assistenziale.


  • Obiettivi delle cure igieniche e valutazione della persona: età, particolari bisogni individuali, grado di autonomia.


  • Il carrello per le cure igieniche: materiali, ausili, prodotti.


  • Gli ambienti per le cure igieniche: la stanza di degenza, il bagno e la doccia, il bagno assistito.


  • Le cure igieniche parziali, procedure descrittive nei vari distretti corporei.


  • Le cure igieniche totali: il bagno a letto, il bagno, la doccia, l’igiene antisettica preoperatoria.


  • L’abbigliamento e la cura dell’aspetto.


  • La vestizione di persone con particolari disabilità


  • Le lesioni da pressione.


  • Interventi di prevenzione.


  • Lo stadio terminale, assistenza alla persona morente.


  • La cura della salma: cure igieniche, rimozione presidi, vestizione, rispetto della privacy.

Igiene Personale Pratica


  • Interventi di igiene sui vari distretti corporei: conoscenza delle procedure e dei materiali e loro utilizzo.


  • Igiene della persona allettata e cambio della biancheria del letto.


  • Sequenza degli interventi nelle cure igieniche totali.


  • Igiene in presenza di dispositivi medici (cateteri, sonde, canule).

Informatica


  • Introduzione e gestione piattaforma


Legislazione e Diritto del lavoro


  • Art. 32 costituzione;


  • L. 833/1978 S.S.N.;


  • D.lgs. 502/1992 riforma;


  • D.lgs. 229/1992 riforma ter;


  • Gli strumenti di programmazione della Sanità;


  • LEA;


  • Servizio socio-sanitario lombardo legge Maroni;


  • Organizzazione Socio-sanitaria;


  • ASL-ATS-ASST-AO;


  • Lo stato sociale Walfare;


  • Terzo settore;


  • L.194/78 I.V.G.;


  • L 180/78 TSO;


  • L 104/92;


  • L. 328/2000;


  • Cure palliative e cura del dolore;


  • Diritto del Lavoro


  • Nozioni, fonti ed evoluzione del diritto del ALvoro;


  • Contratti di avoro;


  • Lavoro subordinato;


  • Luoghi di lavoro;


  • Prestazioni corrispettive e lavoro;


  • Poteri o obblighi del datore di lavoro;


  • Retribuzione;


  • Legge Fornero e Jobs Act;


  • Risoluzione del contratto di lavoro, Licenziamento giusta causa e giustificato motivo, disciplina tutela e procedura;

Modulo Sociale e Sanitario


  • Profilo dell’OSS/ASA e delibera istitutiva della figura


  • La figura professionale


  • La rete dei servizi: modalità di accesso alle strutture(come si fa la richiesta di accesso, a chi devo rivolgermi)


  • La rete dei servizi formale e informale


  • Il caregiver


  • Prestazioni amministrative, organizzative e assistenziali


  • Il ruolo del comune come erogatore di servizi sociali


  • Vuocher e Buoni


  • Il PAI


  • Il PEI


  • Le dimissioni protette

Psicologia Generale


  • La storia della psicologia (brevi accenni: strutturalismo, ps. della Gestalt, psicoanalisi, ps.del comportamento, cognitivismo, sistemici)


  • Processi dinamici: Bisogno motivazione, emozione, affetto


  • Empatia


  • La personalità


  • Discriminazione e pregiudizio


  • La comunicazione e i suoi aspetti


  • Il gruppo e i suoi bisogni


  • Le dimensioni del gruppo


  • Il senso di appartenenza


  • Il gruppo di lavoro: attività, esigenze, obiettivi, metodo, Leadership

Mobilizzazione del paziente


  • La riabilitazione:


  • Cenni di anatomia e fisiologia:


  • Kinesiologia ed ergonomia:


  • La sindrome da immobilizzazione e le sue conseguenze:


  • Assistenza al paziente (nursing and handling):


  • Quadri patologici di maggior interesse:


  • La respirazione

Mobilizzazione pratica


  • Gestione delle diverse tipologie di paziente

Prevenzione posturale


  • Principi di rieducazione posturale


  • Esercizi per la prevenzione dei
    disturbi posturali e professionali


  • Approfondimento delle patologie precedentemente trattate


Prevenzione posturale pratica


  • Tecniche di autotrattamento e prevenzione


Sicurezza e Privacy


  • Legislazione storica


  • Art. 2087 c.c.


  • Legge di riferimento in tema di sicurezza (D.Lgs. 81/2008)


  • I soggetti della sicurezza: lavoratore, datore di lavoro, dirigente, preposto, RSPP, MC, RLS


  • Il DVR


  • La riunione periodica


  • concetti di prevenzione, protezione, rischio e danno


  • Infortunio, malattia professionale


  • I luoghi di lavoro


  • Le attrezzature


  • I DPI e i dispositivi di protezione collettiva


  • Segnaletica di sicurezza


  • Rischi: biologico, chimico, da movimentazione di carichi, elettrico, stress correlato


  • Gestione emergenze (incendio e primo soccorso)


  • La privacy

Rielaborazione del tirocinio


  • Confronto sulle esperienze di tirocinio svolte durante il corso


  • Ripasso ed approfondimenti mirati delle principali materie presentate durante il corso


  • Indicazioni per la preparazione della tesina


  • Lavoro di gruppo riguardante “i casi”

Data di partenza:
28-09-2022
Durata:
1000 ore (550 ore teoria + 450 ore tirocinio)
Orari:
09.00-13.00
Sede:
Como, Via Belvedere 45 (visualizza la mappa)
Struttura del corso:
Lezioni in aula:

Tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, da settembre 2022 a settembre 2023 dalle ore 09.00 alle ore 13.00.

Per agevolare l’ingresso al percorso di studio, nel periodo di ottobre 2022 si terranno solo 2/3 lezioni a settimana.

Tirocinio

Durante il corso verranno svolti 2 tirocini formativi negli orari e secondo i turni assegnati dalle strutture ospitanti

Esame finale:

L'esame finale verrà sostenuto a ottobre 2023 in presenza di una commissione nominata da Regione Lombardia
Ulteriori approfondimenti:
Frequenza: 90% frequenza obbligatoria

Certificazione finale:
Attestato di qualifica professionale valido ai fini di Legge rilasciato da Regione Lombardia

Competenze tecniche:

  • Assistenza diretta alla persona: soddisfacimento dei bisogni primari, promozione e mantenimento del benessere psicofisico; aiuto nelle funzioni di deambulazione, utilizzo corretto dei presidi, mantenimento delle residue capacità psicofisiche e aiuto nell’espletamento delle funzioni fisiologiche
  • Collaborazioni in semplici attività di supporto diagnostico e terapeutico, interventi di primo soccorso, verifica dei parametri vitali, somministrazione delle terapie e medicazioni semplici;
  • Interventi di aiuto domestico ed alberghiero finalizzati all’igiene e al comfort dell’ambiente
  • Interventi di informazione sui servizi del territorio e cura del disbrigo di pratiche burocratiche anche accompagnando l’utente per l’accesso ai servizi.

Competenze relazionali:

  • Rapportarsi con l’utente e con la sua famiglia
  • Svolgere il lavoro all’interno dell’équipe
  • Partecipare all’accoglienza dell’utente per favorire una piena fruizione del servizio e delle sue risorse
  • Favorire la partecipazione ad iniziative di socializzazione sia all’interno delle strutture residenziali che in ambito territoriale.

Capacità:

  • Educare alla salute e a corretti stili di vita, nell’ambito delle proprie competenze
  • Operare nel rispetto delle norme relative al trattamento dei dati personali secondo quanto previsto dalle vigenti leggi
  • Operare nel rispetto delle norme relative alla tutela della salute degli operatori, per la prevenzione di rischi professionali
  • Sollecitare e organizzare momenti di socializzazione, favorendo la partecipazione ad iniziative sia residenziali che in ambito territoriale
  • Partecipare all’accoglienza dell’utente, per favorire una piena fruizione del servizio e delle risorse disponibili
  • Utilizzare strumentazione informatica di base, sia per quanto attiene a semplici programmi gestionali, sia per quanto attiene a programmi che consentano la comunicazione interna.
Requisiti di accesso:
  • Aver compiuto il 18° anno di età.
  • Diploma di scuola media superiore. In alternativa Qualifica Professionale di 2 o 3 anni riconosciuta da Regione Lombardia. In alternativa Qualifica ASA o OTA.
 
Prezzo del corso:
2.200 € *  
Early booking:

* 1.950 € anziché 2.200 €

* Possibilità di rateizzazione senza interessi




Iscriviti online
Modalità di acquisto:
CORSO COMPLETO: 1950.00 €
SOLO QUOTA DI ISCRIZIONE: 150.00 €
Il saldo del corso avverrà in base alle modalità di rateazione disponibili. Per conoscere le modalità di rateazione e tutte le opzioni disponibili contattare la segreteria al numero 031.5001245
Inserisci i tuoi dati:
Privato Azienda
Dichiaro di aver letto ed accettatto il contratto di acquisto relativo al corso in oggetto
Dichiaro di aver letto ed accettatto il contratto formativo allievo relativo al corso in oggetto
Dichiaro di aver letto ed accettatto l' informativa sulla privacy
Programma didattico:
Aspetti psicorelazionali


  • La psicologia e la differenza tra psicologia e psichiatria


  • I «pilastri» della relazione di aiuto: emozioni e comunicazione


  • La relazione di aiuto;


  • La relazione di aiuto nei vari ambiti di lavoro (residenziale, diurno, domicilio, ospedale)


  • L’utenza di riferimento (bambini, adolescenti, anziani, disabili, malati terminali, familiari)


  • L’elaborazione del lutto (Elisabeth Kuble Ross)


  • Stress e burnout


  • Frustrazione, ansia e stress e strategie di coping


  • La gestione della sessualità (come affrontarla e gestirla nei diversi utenti)


  • Disabilità e handicap


  • I disturbi psicologici nell’infanzia e nell’ adolescenza. Per ogni patologia verranno riferiti brevi cenni farmacologici e come modificare la comunicazione in base alla problematica


  • Le psicopatologie negli adulti. Per ogni patologia verranno riferiti brevi cenni farmacologici e come modificare la comunicazione in base alla problematica


  • Disturbi psicotici (schizofrenia, disturbi dissociativi, affettivi e bipolari). Per ogni patologia verranno riferiti brevi cenni farmacologici e come modificare la comunicazione in base alla problematica


  • L’organizzazione dei servizi psichiatrici


  • Le tossicodipendenze: per ogni patologia verranno riferiti brevi cenni farmacologici e come modificare la comunicazione in base alla problematica


  • Il malato di AIDS: in modo specifico la comunicazione da usare


  • Il malato terminale: in modo specifico la comunicazione da usare e il comportamento più consono che deve adottare l’OSS


  • Parte pratica: verranno discussi i casi clinici inerenti le diverse tipologie trattate alla luce della relazione di aiuto. I Casi, inoltre verranno analizzati in base a cosa si aspetta l’OSS, a cosa osserva, a quali sono i suoi compiti e ai rischi per il paziente e l’operatore



Introduzione all’assistenza


  • Definizione di assistenza

  • Competenze dell’OSS nel soddisfacimento dei bisogni primari (bisogni analizzati da M.Cantarelli e Maslow) e nell’analisi differenziata del grado di autonomia


  • Scale di valutazione dell’autonomia: Barthel, ADL, IADL


  • La programmazione dell’assistenza: accoglienza e osservazione, modalità di raccolta e di trasmizzione dei dati, attuazione degli obiettivi programmati, valutazione


  • La registrazione dei dati in documenti: consegne, schede.


  • Conoscenza della documentazione sanitaria.


  • Il ricovero e l’accoglienza in reparto


  • Bisogno di riposo: preparazione dell’ambiente, del letto e della persona


  • Bisogno di movimento: assistenza durante la deambulazione, verifica dell’andatura, dell’equilibrio, delle calzature indossate, della sicurezza dell’ambiente


  • Fattori di rischio di caduta: interventi sulla persona e sull’ambiente


  • Assistenza alla persona allettata


  • Assistenza durante i pasti


  • Cenni sulla nutrizione enterale: alimentazione tramite SNG e PEG


  • Bisogno di eliminazione urinaria: caratteristiche delle urine e relative alterazioni


  • Bisogno di eliminazione intestinale: caratteristiche e relative alterazioni delle deiezioni, monitoraggio dell’alvo


  • Riconoscimento di segni e sintomi correlati a un aggravamento


  • Il numero unico dell’emergenza (NUE)

Introduzione all’assistenza pratica


  • Visione della documentazione sanitaria; conoscenza delle schede pertinenti le competenze dell’OSS


  • Rifacimento del letto vuoto e occupato


  • Assistenza a persona allettata


  • Procedure per imboccare


  • Ausili per l’eliminazione e loro utilizzo.




Assistenza di base per OSS


  • L’attività ospedaliera e le unità di cura specializzate.


  • Le funzioni di un catetere vescicale.


  • Attività cardiocircolatoria, attività respiratoria, termoregolazione: riconoscimento di segni e sintomi correlati ad alterazioni delle funzioni vitali.


  • La valutazione del dolore: osservazione della persona, conoscenza della localizzazione del dolore ed eventuale irradiazione, modalità con cui si manifesta.


  • La valutazione della coscienza: la scala AVPU e il riconoscimento di alterazioni.


  • L’elaborazione del lutto (Elisabeth Kuble Ross)


  • Assistenza a persona con diabete.


  • Modalità di raccolta di campioni biologici per esami di laboratorio.


  • Assistenza a persona con urostomia ed enterostomia.


  • Disabilità e handicap



Assistenza di base pratica per OSS


  • Visione e conoscenza delle differenti tipologie di cateteri vescicali e sacche di raccolta.


  • Procedura di rilevazione dei parametri vitali e relativi strumenti.


  • Procedura di rilevazione della glicemia capillare e relativi strumenti.


  • Conoscenza dei contenitori per la raccolta di campioni biologici.


  • Visione e conoscenza delle sacche di raccolta per urostomie ed enterostomie.



Assistenza avanzata


  • La nutrizione artificiale: definizione e finalità.


  • L’elettrocardiogramma: finalità dell’indagine.


  • Assistenza perioperatoria.


  • Fase preoperatoria: accoglienza e preparazione all’intervento chirurgico in relazione ai protocolli interni e al tipo di intervento.


  • Fase postoperatoria: monitoraggio di parametri vitali e dolore, verifica dello stato di coscienza, valutazione delle perdite ematiche e della diuresi, prevenzione di complicanze precoci e tardive


  • Medicazioni semplici: definizione e finalità.


  • L’emergenza sanitaria: servizi ospedalieri (DEA), servizi territoriali (AREU)


  • Il triage intra ed extra ospedaliero.


  • Il numero unico dell’emergenza (NUE) e l’attivazione dei soccorsi di base e dei soccorsi avanzati.


  • La gestione dell’emergenza in reparto, il carrello attrezzato, il defribillatore.


  • BLSD (basic life support and defribillation): le tecniche di assistenza necessarie a sostenere i parametri vitali.


  • Ostruzione delle vie aeree: ostruzione parziale e totale.


  • Le lesioni traumatiche.


  • L’Ictus: riconoscimento di segni con scale di valutazione CSS e NIHSS


  • SLA: sintomi di esordio della malattia



Assistenza avanzata pratica


  • Realizzazione di medicazioni semplici: materiali e procedure


  • Collaborazione con l’infermiere nel posizionamento di una sonda naso-gastrica.


  • Visione di sonde per gastrostomie e loro ubicazione.


  • Posizionamento di elettrodi per l’esecuzione di un elettrocardiogramma.


  • Manovre di disostruzione delle vie aeree (colpi interscapolari e manovra di Heimlich).


  • Compressioni toraciche esterne sul manichino e ventilazione artificiale con pallone Ambu e canula orofaringea.



Dietetica ed Igiene Alimentare


  • Dietetica


  • Igiene Alimentare



Etica


  • Definizione di Etica, morale e bioetica


  • Comitati etici e il Comitato Nazionale di Bioetica


  • Il concetto di salute


  • Diritti dell’uomo e del malato: conferenza Alma Ata 1978; Carta di Ottawa 1996


  • Dichiarazione Sanità mondiale 1998


  • Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo


  • Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea


  • Carta Europea dei Diritti del Malato


  • Deontologia Ed Etica Professionale


  • Il codice deontologico e analisi dei codici deontologici dell’infermiere e del medico


  • I principi etici


  • Il percorso per operare scelte etiche


  • Il problem solving


  • Il consenso informato


  • Il segreto professionale


  • La contenzione

Farmacologia


  • Cenni di farmacologia: definizione di farmaco, principio attivo, eccipienti


  • Classificazione dei farmaci


  • Farmacovigilanza e reazioni avverse da farmaci


  • Principi da rispettare prima dell’assunzione della terapia


  • Principi generali da rispettare prima della somministrazione della terapia. La regola delle 6G


  • Collaborazione dell’OSS nell’aiuto nell’assunzione di farmaci tramite per via inalatoria (aerosol, puff, compresa ossigenoterapia e anestesia) orale, enterale (compresa esecuzione di microclisma e collaborazione nella pratica del clistere) sublinguale, topica, percutanea, auricolare, gocce oftalmiche, pomate, farmaci trans dermici


  • Aiuto nell’assunzione per via orale, rettale, sublinguale, percutanea, inalatoria (aerosol e puff): vantaggi e svantaggi, diverse forme farmaceutiche, modalità di somministrazione (ambiente, materiale, persona, operatore)


  • L’ossigenoterapia definizione, principi generali, presidi, sorveglianza


  • Sorveglianza della terapia infusiva endovenosa (comprese emotrasfusioni)


  • La conservazione dei farmaci, il foglietto illustrativo, caratteristiche degli armadi farmaceutici e dei locali farmacia


  • Approvvigionamento, conservazione, controllo dei farmaci


  • Nozioni di tossicologia e avvelenamenti


  • Sperimentazioni e accanimento terapeutico

Igiene Ambientale e domestica


  • • Definizione di igiene e salute


  • • Definizione di prevenzione primaria, secondaria e terziaria.


  • • Definizione di microclima: fattori che influenzano e modalità di controllo del microclima (fattori di viziatura e di inquinamento degli ambienti)


  • • Definizione di microbiologia


  • • Definizione di malattia infettiva


  • L’elaborazione del lutto (Elisabeth Kuble Ross)


  • • Profilassi delle infezioni correlate all’assistenza


  • • I dispositivi di protezione individuale; l’uso dei guanti


  • • I diversi tipi di lavaggio delle mani


  • • Concetti di sanificazione, sanitizzazione, disinfezione e sterilizzazione


  • • Definizione di disinfettante, antisettico, detergente e modalità per il corretto uso e conservazione dei disinfettanti


  • • Fasi di preparazione del materiale da sterilizzare e mezzi


  • • Classificazione dei rifiuti e dei rifiuti sanitari


  • • Unita’ di degenza


  • • Gli incidenti domestici


  • • Ruolo dell’operatore negli incidenti domestici: Il numero telefonico del servizio territoriale di Urgenza/Emergenza e i comportamenti da adottare

Igiene Ambientale pratica


  • Rifacimento letto libero


  • Rifacimento letto occupato ( con pazienti con sintomatologia e problematiche medico - chirurgiche)


  • Lavaggio sociale e antisettico delle mani


  • Rilevazione Pressione Arteriosa


  • Rilevazione Frequenza Cardiaca

Igiene Personale


  • Definizione e finalità dell’igiene.


  • L’apparato tegumentario e le sue funzioni: cute, mucose e annessi cutanei.


  • Osservazione di alterazioni delle caratteristiche della cute: colore, tensione, idratazione, percezione sensoriale, temperatura locale, integrità.


  • Introduzione alle cure igieniche come bisogno assistenziale.


  • Obiettivi delle cure igieniche e valutazione della persona: età, particolari bisogni individuali, grado di autonomia.


  • Il carrello per le cure igieniche: materiali, ausili, prodotti.


  • Gli ambienti per le cure igieniche: la stanza di degenza, il bagno e la doccia, il bagno assistito.


  • Le cure igieniche parziali, procedure descrittive nei vari distretti corporei.


  • Le cure igieniche totali: il bagno a letto, il bagno, la doccia, l’igiene antisettica preoperatoria.


  • L’abbigliamento e la cura dell’aspetto.


  • La vestizione di persone con particolari disabilità


  • Le lesioni da pressione.


  • Interventi di prevenzione.


  • Lo stadio terminale, assistenza alla persona morente.


  • La cura della salma: cure igieniche, rimozione presidi, vestizione, rispetto della privacy.

Igiene Personale Pratica


  • Interventi di igiene sui vari distretti corporei: conoscenza delle procedure e dei materiali e loro utilizzo.


  • Igiene della persona allettata e cambio della biancheria del letto.


  • Sequenza degli interventi nelle cure igieniche totali.


  • Igiene in presenza di dispositivi medici (cateteri, sonde, canule).

Informatica


  • Introduzione e gestione piattaforma


Legislazione e Diritto del lavoro


  • Art. 32 costituzione;


  • L. 833/1978 S.S.N.;


  • D.lgs. 502/1992 riforma;


  • D.lgs. 229/1992 riforma ter;


  • Gli strumenti di programmazione della Sanità;


  • LEA;


  • Servizio socio-sanitario lombardo legge Maroni;


  • Organizzazione Socio-sanitaria;


  • ASL-ATS-ASST-AO;


  • Lo stato sociale Walfare;


  • Terzo settore;


  • L.194/78 I.V.G.;


  • L 180/78 TSO;


  • L 104/92;


  • L. 328/2000;


  • Cure palliative e cura del dolore;


  • Diritto del Lavoro


  • Nozioni, fonti ed evoluzione del diritto del ALvoro;


  • Contratti di avoro;


  • Lavoro subordinato;


  • Luoghi di lavoro;


  • Prestazioni corrispettive e lavoro;


  • Poteri o obblighi del datore di lavoro;


  • Retribuzione;


  • Legge Fornero e Jobs Act;


  • Risoluzione del contratto di lavoro, Licenziamento giusta causa e giustificato motivo, disciplina tutela e procedura;

Modulo Sociale e Sanitario


  • Profilo dell’OSS/ASA e delibera istitutiva della figura


  • La figura professionale


  • La rete dei servizi: modalità di accesso alle strutture(come si fa la richiesta di accesso, a chi devo rivolgermi)


  • La rete dei servizi formale e informale


  • Il caregiver


  • Prestazioni amministrative, organizzative e assistenziali


  • Il ruolo del comune come erogatore di servizi sociali


  • Vuocher e Buoni


  • Il PAI


  • Il PEI


  • Le dimissioni protette

Psicologia Generale


  • La storia della psicologia (brevi accenni: strutturalismo, ps. della Gestalt, psicoanalisi, ps.del comportamento, cognitivismo, sistemici)


  • Processi dinamici: Bisogno motivazione, emozione, affetto


  • Empatia


  • La personalità


  • Discriminazione e pregiudizio


  • La comunicazione e i suoi aspetti


  • Il gruppo e i suoi bisogni


  • Le dimensioni del gruppo


  • Il senso di appartenenza


  • Il gruppo di lavoro: attività, esigenze, obiettivi, metodo, Leadership

Mobilizzazione del paziente


  • La riabilitazione:


  • Cenni di anatomia e fisiologia:


  • Kinesiologia ed ergonomia:


  • La sindrome da immobilizzazione e le sue conseguenze:


  • Assistenza al paziente (nursing and handling):


  • Quadri patologici di maggior interesse:


  • La respirazione

Mobilizzazione pratica


  • Gestione delle diverse tipologie di paziente

Prevenzione posturale


  • Principi di rieducazione posturale


  • Esercizi per la prevenzione dei
    disturbi posturali e professionali


  • Approfondimento delle patologie precedentemente trattate


Prevenzione posturale pratica


  • Tecniche di autotrattamento e prevenzione


Sicurezza e Privacy


  • Legislazione storica


  • Art. 2087 c.c.


  • Legge di riferimento in tema di sicurezza (D.Lgs. 81/2008)


  • I soggetti della sicurezza: lavoratore, datore di lavoro, dirigente, preposto, RSPP, MC, RLS


  • Il DVR


  • La riunione periodica


  • concetti di prevenzione, protezione, rischio e danno


  • Infortunio, malattia professionale


  • I luoghi di lavoro


  • Le attrezzature


  • I DPI e i dispositivi di protezione collettiva


  • Segnaletica di sicurezza


  • Rischi: biologico, chimico, da movimentazione di carichi, elettrico, stress correlato


  • Gestione emergenze (incendio e primo soccorso)


  • La privacy

Rielaborazione del tirocinio


  • Confronto sulle esperienze di tirocinio svolte durante il corso


  • Ripasso ed approfondimenti mirati delle principali materie presentate durante il corso


  • Indicazioni per la preparazione della tesina


  • Lavoro di gruppo riguardante “i casi”